SONY DSC

Piove, governo ladro!” it usually exclaims in the peninsula when the weather gets wet, as to say that the responsibility is always sure. Just give a casual glance at any Italian newspaper to realize how it’s a good saying for every occasion.

Piove, governo ladro!” si esclama di solito nella penisola quando il tempo è parecchio umido, come a dire che la responsabilità è a senso unico qualsiasi cosa accada. Del resto basta poggiare uno sguardo distratto ai giornali italiani per accorgersi di quanto esso sia un detto buono per ogni occasione.

 

SONY DSC

SONY DSC

The first two hours spent along the upper course of the river Sile have been a lethal boredom: nothing, not even a flicker of the tip which was not determined by a rain’s drop. It gets ever stronger the idea to try again another day. The photo you see is more significant than it appears, and can tell about a crucial technical detail: float and rod tip work at the same distance from the bank.

Le prime due ore trascorse lungo l’alto corso del fiume Sile sono state di una noia letale: nulla, nemmeno un tremolio dell’astina che non fosse determinato dall’ennesima goccia di pioggia che la colpiva. E si fa sempre più forte l’idea riprovare in un altro momento. La foto che vedete è più significativa di quanto appare, tanto che anche da sola è in grado di raccontare un particolare tecnico molto interessante: galleggiante e punta della canna lavorano alla stessa distanza dalla sponda.

 

SONY DSC

‘You think to take pictures, that fish are my business‘ Mauro Lanzarini says to me; he’s one of the best anglers from all over the northeast, and when I say best I mean that you can count them on the fingers of a truncated hand. But the words don’t cost anything, and proof about it is one of the Italians’ biggest flaws: the abuse of adjectives. There are more than 25,000 ones in their dictionary and the temptation to put them inappropriately into sentences is always great. Among the most inflated ones there are ‘bello’, ‘very’, ‘important’ and of course ‘best’. When using certain adjectives, you should always be prepared to demonstrate with facts, and with the images.

Tu pensa a fare le foto, che ai pesci ci penso io” mi dice Mauro Lanzarini, uno dei migliori pescatori alla passata di tutto il nord est, e quando dico ‘migliori’ significa che li potete contare sulle dita di una mano monca. Le parole però non costano nulla, prova ne è uno dei più grandi difetti degli italiani: l’abuso di aggettivi. Ce ne sono oltre 25000 nel loro vocabolario e la tentazione di infilarne a sproposito nelle frasi è sempre grande. Tra i più inflazionati vi sono ‘bello’, ‘molto’, ‘importante’ e ovviamente ‘migliore’. Quando si usano certi aggettivi bisognerebbe sempre essere pronti a dimostrare con i fatti, e con le immagini.

 

SONY DSC

So I keep stay quiet under the umbrella, waiting confident. What a bore! I even found interesting this subject.

Allora continuo a rimanermene tranquillo sotto l’ombrellone, ad aspettare fiducioso. Che noia però! A un certo punto ho trovato interessante perfino questo soggetto.

 

SONY DSC

Instead they don’t care about rain and cold. Usually in the spring you can see the parents followed by 5-6 chicks, then dropped to number in the fall; seeing scenes like this, I always wonder what happened to the other ones. Diseases and rats will certainly play their part, but the river Sile is also inhabited by huge pike and wels catfish: it’s not hard to imagine that some of those chicks has been predated from below.

Loro invece se ne fregano della pioggia e del freddo, non gli cambia nulla. Di solito in primavera si vedono i genitori seguiti da 5-6 pulcini, per poi scendere di numero in autunno; nel vedere scene come questa mi chiedo sempre che fine abbiano fatto gli altri piccoli. Malattie e ratti faranno sicuramente la loro parte, ma le acque del Sile sono abitate anche da lucci enormi e da siluri: non è difficile pensare che qualcuno di quei pulcini abbia subito una predazione dal basso.

 

SONY DSC

It’s stopped raining and I take some pictures for the equipment. When he goes on the hunt for big chubs, Mauro prepares only one rod: he knows exactly which line to use based on water conditions. Today, however, has opened three Bolognesi rod, a fact unusual for him and you can consider it as an exception in honor of the photo shoot. So, let’s see these three gems: two Daiwa Competition 7115 and one Competition-X, all of seven meters long; CP 7115 were engineered in Japan, the second one in Great Britain. Both of these models have been marketed over a decade ago, and of course they are out of catalog now. The Bolognese style is practiced almost exclusively in Italy, rarely during matches: even when fishing for pleasure, Italic anglers tend to no use the whip and Bolognese in favor of the match rod and pole. In certain types of fishing, however, the traditional Italic technique is more effective than any other style.

Ha smesso di piovere; ne approfitto per qualche foto all’attrezzatura. Quando va a caccia di grossi cavedani, Mauro prepara una sola canna: sa esattamente quale lenza impiegare in base alle condizioni dell’acqua. Oggi invece ha aperto tre bolognesi, un fatto inconsueto per lui; potete considerarlo come un’eccezione in onore del servizio fotografico. Allora vediamoli questi tre gioiellini. Si tratta di due Daiwa Competition 7115 e di una Competition-X, tutte di sette metri; la prima è stata disegnata in Giappone, la seconda in Gran Bretagna. Entrambi questi modelli sono stati commercializzati oltre una decina di anni fa e oggi sono fuori catalogo. La pesca a bolognese viene praticata quasi esclusivamente in Italia, quasi mai durante le gare: anche quando pescano per diletto, i pescatori italici tendono a non usare più la canna fissa e la bolognese in favore della match rod e della roubaisienne. In certi tipi di pesca in fiume, però, la tradizionale tecnica italica è più efficace di qualsiasi altro stile.

 

RedAngler.com Red045--8

It may seem strange, but the best producer of Bolognese rods is not Italian (although there are many companies working on carbon in Italy). The best bolognese come from Tokyo or from Wishaw, and are so well made that certain models are hardly available on the second hand market: in fact, those who appreciate the value of these products unlikely sells them. Also note that a tool of this type does not suffer the wear of a roubaisienne, thus with a good Bolognese you can fish for a life. The models of foreign brands are almost always produced exclusively for the Italian market, and if you are interested in having some of high level, you have to take a plane or buy them on Internet. Don’t underestimate the second hand market: with a small cost you may award rods at the highest level. Unlike what happens with the pole, a well made Bolognese rod don’t need improvements and is virtually timeless. Both models of Daiwa were designed to confer them an medium-light action for fishing with floats up to 8 grams. Mauro’s favorite is the Competition-X, which has a softer and lighter action than the CP 7115.

Potrà sembrare strano, ma il migliore produttore di canne bolognesi non è italiano (pur essendoci in Italia molte aziende che lavorano il carbonio). Le migliori bolognesi vengono da Tokio o da Wishaw, e sono così ben realizzate che difficilmente certi modelli sono reperibili sul mercato dell’usato: infatti, chi sa apprezzare il valore di questi prodotti difficilmente se ne libera. Tenete anche presente che un attrezzo di questo tipo non subisce l’usura tipica di una canna ad innesti, quindi con una buona bolognese potrete pescarci una vita. I modelli di marchi stranieri quasi sempre vengono prodotti esclusivamente per il mercato italiano, e se siete interessati ad averne di alto livello dovrete prendere un aereo o acquistarle via Internet. Vi consiglio di non sottovalutare il mercato dell’usato: con una spesa modesta ci si possono aggiudicare fusti di altissimo livello. A differenza di quanto avviene con le roubaisienne, la bolognese ben realizzata non è suscettibile di miglioramenti eclatanti e praticamente non ha tempo. Entrambi i modelli di Daiwa sono stati disegnati per conferirgli un’azione medio leggera indicata per una passata con galleggianti fino a 8 grami. La preferita di Mauro resta la Competition-X: rispetto alla CP7115, ha un’azione ancora più morbida e leggera.

 

SONY DSC

A line with a two grams flat float was built on one of the Competition 7115, a solution that you usually see on the poles. ‘The real limits are in people’s minds‘ Mauro told me when I asked the reason for a so unusual choice. I had never seen this type of float in Bolognese fishing, but has its own logic: the line will not be launched towards the center of the river, as you normally would think, but will work under the tip. The action will be very similar to that of a whip or a pole. Think about it: the current is much slower near the bank than the center of the river, and the four meters depth allows to have only a little line between the tip and the float. Under these conditions the control is maximum, so that the reel is downgraded to a reserve of line, only necessary to counter the leakage of large fish. The bail will almost always be closed: the line is just lying on the water’s surface as if you were employing a whip rod.

Su una delle due Competition 7115 è stata costruita una lenza con un galleggiante piatto di due grammi, una soluzione che di solito si vede sulle canne ad innesti. ‘I limiti veri stanno nella testa della gente’ mi ha risposto Mauro quando gli ho chiesto la ragione di una scelta tanto inusuale. Non avevo mai visto usare questo tipo di segnalatore su una bolognese, tuttavia ha una sua logica: la lenza non verrà lanciata verso il centro del fiume, come normalmente si sarebbe portati a pensare, bensì lavorerà sotto la punta. L’azione sarà molto simile a quella di una canna ad innesti oppure una fissa. Pensateci: la corrente è molto più lenta nei pressi della sponda rispetto al centro del fiume, e la profondità di quattro metri (sui sette della canna) permette di avere liberi solo pochi metri di filo tra la punta e il galleggiante. In queste condizioni il controllo sulla lenza è massimo, al punto che il mulinello è declassato a riserva di filo, necessario solo per contrastare le fughe di grossi pesci. L’archetto resterà quasi sempre chiuso: la lenza viene distesa sulla superficie dell’acqua come se si stesse adoperando una canna fissa.

 

SONY DSC

SONY DSC

At other times, the little flat float worked perfectly with the huge chubs in the province of Venice, but not today: they have shown a preference for a traditional one. The Competition-X W70 was prepared with a classical float by 1.5 grams, while the other Competition 7115 had a model just heavier. The latter will be the winning line of the day.

In altre occasioni il piccolo galleggiante piatto ha funzionato perfettamente con i cavedani enormi della provincia di Venezia, ma non stavolta: oggi hanno dimostrato di preferire una lenza tradizionale. La Competition-X W70 è stata preparata con un classico galleggiante da 1,5 grammi, mentre l’altra Competition 7115 portava un modello appena più pesante. Sarà quest’ultima la lenza vincente della giornata.

 

SONY DSC

It starts to rain again, governo ladro! But the worst come by the river: no response in two hours. It seems that there’s nothing over there under the water’s surface, a total desert. Mauro calms me: big chubs are always on the market and only in the coldest winter days in January and February you can make a flop, anyway rather rare. November is a great month again.

Ricomincia a piovere, governo ladro! Ma il peggio viene dal fiume: nessuna risposta nonostante siano trascorse due ore. Sembra che non vi sia nulla là sotto, il deserto totale. Mauro mi tranquillizza: i grossi cavedani ci sono sempre e solo nelle più gelide giornate invernali di gennaio e febbraio si può incappare in un cappotto, peraltro piuttosto raro. Novembre è un periodo ancora ottimo.

 

SONY DSC

I’ve just to go back under my umbrella: even if the body of my Alpha 700 is weather sealed, the same cannot be said about the Sigma 17-70. Better not risk. The weatherman said that the climate would be improved in the late morning, with the sun peeking through the clouds. The problem is that in Italy the weather forecast changes every half hour, and sometimes you have more chances of winning at roulette.

Non mi resta che tornarmene sotto l’ombrellone: anche se il corpo della mia Alpha 700 è tropicalizzato, lo stesso non posso dire del Sigma 17-70. Meglio non rischiare. Le previsioni meteo della sera prima dicevano che il clima sarebbe migliorato in tarda mattinata, con tanto di sole a fare capolino tra le nuvole. Il problema è che in Italia le previsioni del tempo cambiano ogni mezz’ora, e a volte si ha più probabilità di vincere alla roulette.

 

SONY DSC

It stopped raining and the temperature seems to rise slightly. The change coincides with the first bite: it seems a really nice fish, but we will not see it. The chub manages to free itself, even as the next two ones. I ask Mauro if it is appropriate to change the hook, but he replies with a smile. He knows these fish very well, and the problem is not the hook.

Non piove più e anche la temperatura sembra salire leggermente. Il cambiamento coincide con la prima abboccata: sembra davvero un bel pesce, ma non lo vedremo. Riesce a slamarsi, come ci riusciranno anche i successivi due. Dico a Mauro se non sia il caso di cambiare l’amo, ma lui mi risponde con un sorriso. Conosce bene questi pesci, e sa che il problema non è l’amo.

 

SONY DSC

The clouds begin to open, you can see the blue sky through them; perhaps today the Italian weathermen have guessed it for real. What you see is the CP 7115′s action, with the tip bent under the force of a chub over one kilo.

Le nuvole iniziano ad aprirsi, si intravvede l’azzurro del cielo; forse oggi ci hanno azzeccato per davvero. Quella che vedete è l’azione della Competition 7115 curvata sotto la spinta di un cavedano da oltre un chilo.

 

SONY DSC

Here’s the result of the fourth strike, while it approaches to the landing net: a small head compared to the average of this venue, a fish of circa eight hundred grams. And also naive, as are young specimens: it devoured the bait without delay, as you can guess by the hook well planted beyond lips.

Eccolo allora il risultato della quarta abboccata, mentre si avvicina alla testa del guadino: un esemplare piccolo rispetto alla media di queste parti, un pesce di circa ottocento grammi. Direi anche ingenuo, come lo sono gli esemplari giovani: ha ingoiato l’esca senza farsi problemi, lo si può intuire dall’amo piantato ben oltre le labbra.

 

SONY DSC

The choice of a stretch free by submerged aquatic plants is not random: big chubs of this river first trend to gain the strong current in the center, and then the meadows near the bank. Once they are in, hardly the 0.10 mm terminal line will allow you to drive them out.

La scelta di un tratto di sponda libero da piante acquatiche sommerse non è casuale: i grossi cavedani di questo fiume tentano per prima cosa di guadagnare la forte corrente del centro, e come ultima risorsa gli erbai presenti sotto la sponda. Una volta infilatisi, difficilmente il terminale da 0,10 mm vi permetterà di stanarli.

 

SONY DSC

This is the second fish of the day, well over one kilo. It can seem a trivial concept, but a big fish is also heavy and not easy to handle, even more because it will tend to squirm. Along the banks and by social networks happen to see scenes by horror splatter film: people intent on raising big fish with fingers into the gill or even by pressing on the eyes (especially with carp). What you see in the picture is the only correct way to lift a big fish with one hand: the operculum is used only for a partial index finger grip, which remains far from the gill arches. But when the fish is too big, the only correct way to free it by hook, is keeping it inside the landing net’s head and handled with both hands, or not handled it if you don’t know how to do it.

Questo è il secondo pesce della giornata, ben oltre il chilo di peso. Sarà un concetto banale, ma un grosso pesce è anche pesante e non facile da maneggiare, tanto più perché tenderà a dimenarsi. Lungo le sponde e sui social network capita di vedere scene da film horror splatter: gente intenta a sollevare grossi pesci con le dita conficcate nelle branchia o addirittura premendo sugli occhi (questo sopratutto con le carpe). Quello che vedete nella foto è l’unico modo corretto per sollevare un grosso pesce con una sola mano: l’opercolo è usato solo per una presa parziale del dito indice, che rimane lontano dagli archi branchiali. Ma quando il pesce è troppo grosso, va slamato dentro la testa del guadino e maneggiato con entrambe le mani, o non maneggiato affatto se non si sa come farlo.

 

SONY DSC

I’ve seen the worst things during fishing competitions, both in commercials than in natural environments. It seems incredible, but in Italy match anglers are the first that don’t know how to handle a fish, and unfortunately regulations don’t help. Chubs of river Sile are perfect, at least in the upper stretch where there are no competitions and big fish let themselves captured only by the true anglers.

Le cose peggiori le ho viste fare durante le gare di pesca, sia nei carpodromi che in ambienti naturali. Sembra incredibile, ma i garisti sono i primi a non sapere come maneggiare correttamente il pesce, e purtroppo i regolamenti non aiutano. I cavedani del Sile sono perfetti, almeno nel tratto alto dove non si svolgono gare e i grossi pesci si lasciano catturare solo dai pescatori veri.

 

SONY DSC

SONY DSC

In spite of the water raised, the quantity of larvae ended up in the river is minimal at every launch.

A dispetto dell’acqua sollevata dall’impatto, la quantità di larve finite nel fiume è minima a ogni lancio. Lo vedremo tra poco.

 

SONY DSC

It stopped raining and the temperature became milder. Mauro try again with his favorite rod and the line with a gram and a half, but didn’t get any results (by the way: at this link you’ll find Daiwa Bolognese rod models currently on the market).

Non piove più e anche la temperatura si è fatta mite. Mauro prova ancora con la sua canna preferita e la montatura da un grammo e mezzo, senza però ottenere alcun risultato.

 

SONY DSC

It seems incredible, but an extra half a gram on the line has been crucial to convince the fish. Evidently they prefered a more stable presentation near the bottom.

Sembra incredibile, ma mezzo grammo in più sulla lenza è stato determinante per convincere i pesci ad abboccare. Evidentemente preferiscono una presentazione più stabile in prossimità del fondo.

 

SONY DSC

Yet another big chub captured with the two grams line.

L’ennesimo grosso cavedano catturato con la lenza da due grammi.

 

SONY DSC

It deserves a close-up. This animals are perfectly healthy and fat, grown in high quality water.

Merita un primo piano. Sono animali perfettamente sani e grassi, cresciuti in un acque di alta qualità.

 

SONY DSC

Let’s analyze the baiting technique. This picture tells some interesting things, the most intuitive of which is that the baiting is always thrown downstream the point where the angler is, in spite of the flow and of the water wall high four meters. The high density is the target, as well as a limited quantity of maggots. Small and dense balls are obtained by adding large amount of gravel. This allows firstly to concentrate the larvae on the bottom with a minimum deviation respect to the point of entry into the water.

Analizziamo ora la tecnica di pasturazione. Questa foto racconta tre cose interessanti, la più intuitiva delle quali riguarda il fatto che il richiamo viene gettato sempre a valle della postazione in cui si trova il pescatore, e questo nonostante la corrente e il muro d’acqua di quattro metri. È l’elevata densità a fare la differenza, oltre che a un quantitativo limitato di larve. Palline piccole e dense si ottengono aggiungendo grandi quantità di ghiaino. Questo permette in primo luogo di far giungere il richiamo sul fondo con una minima deviazione rispetto al punto di entrata in acqua.

 

SONY DSC

Many anglers think that to catch lots of chubs serves many kilos of maggots, or spending much money in baits (one kilogram of maggots cost around €7 in the peninsula). But the situation is different, luckily: looking at this picture it’s hard to find two larvae glued together, so great is the amount of inert (much cheaper). The secret is this: in addition to the high density, you get the advantage of providing less food to the fish avoiding to feed them too, putting them in competition for food.

Molti pescatori sono convinti che per fare una bella pescata di cavedani servano chili su chili di bigattini, ovvero spendendo cifre non trascurabili (un chilo di bigattini costa oggi nella penisola €7.5). Le cose stanno diversamente: guardando questa foto si fa fatica a trovare due larve incollate tra loro, tanto è grande il quantitativo di inerte (molto più economico). Il segreto è tutto qui: oltre all’elevata densità, si ottiene il vantaggio di offrire poco cibo al pesce evitando di saziarlo e mettendolo in competizione alimentare.

 

SONY DSC

Also in this picture taken inside the bucket, you see very few larvae in contact with each others: you are seeing four kilos and a half of quartz sprayed with a kilo and a half of maggots. This report also offers another advantage not to be despised: it saves a lot of money. It’s not the same thing to buy 10 kilos of gravel in a sport fishing store rather than a resale of building materials.

Anche in questa foto scattata dentro al secchio si vedono pochissime larve a contatto tra loro: state vedendo quattro chili e mezzo di quarzite spruzzate con un chilo e mezzo di bigattini. Questo rapporto offre anche un altro vantaggio da non disprezzare: permette di risparmiare un sacco di soldi. Non è la stessa cosa acquistare 10 kg di ghiaino in un negozio di pesca sportiva piuttosto che in una rivendita di materiali per edilizia.

 

SONY DSC

The boiled hemp is another ace for the predator of big chubs. Unlike the ball of maggots and gravel, it has to be slingshot few meters upstream from the fishing spot.

La canapa bollita è un altro asso nella manica del predatore di grossi cavedani. A differenza della pallina di bigattini e ghiaia, va fiondata qualche metro a monte rispetto al punto di pesca.

 

SONY DSC

As for the gravel: you can save a lot of money by buying it in stores for animal food, but be careful. Hemp’s seeds must have the embryo still alive, this means that hemp must be pretty fresh. If during cooking the white radicle will not emerge, it means that the product was not enough fresh and even less palatable by the fish. Carp anglers are aware of these issues and make their business in stores of flour for animals, which are able to meet their demands: if you know a carp angler, then you also know where to find the best hemp.

Vale quanto detto per la ghiaia: si possono risparmiare molti soldi acquistandola nei negozi di alimenti per animali, ma attenzione a un particolare. Il seme della canapa deve avere l’embrione ancora vivo, ovvero deve essere abbastanza fresco. Se infatti durante la cottura non emergerà la radichetta bianca, significa che abbiamo un prodotto non fresco e men che meno appetibile al pesce. I carpisti sono consapevoli di queste problematiche e si riforniscono in negozi di farine per animali che sappiano soddisfare le loro richieste: se conoscete qualche carpista allora sapete anche dove trovare la canapa migliore.

 

RedAngler.com Red045--31

The first of two little chubs of 800 grams that have ruined the daily average; are more gullible and tend to gorge themselves putting aside the proverbial distrust of their species.

Questo è uno dei due cavedanelli da 800 grammi che hanno rovinato la media della giornata; sono più ingenui e tendono a ingozzarsi accantonando la proverbiale diffidenza della specie.

 

RedAngler.com Red045--32

The hook in the middle of the body allows the lure to sink and scroll with the same arrangement of other ones used as baiting. To create a solution like this, you need a very little hook, it is obvious, but to avoid damaging the larva it has also to be barbless. There are anglers who have enormous prejudice against these tools, believing that they may prejudice the captures than traditional models. Reality is that a real angler doesn’t need about a barb to catch nice fish, and this article proves it.

L’innesco a metà del corpo permette all’esca di affondare e scorrere sul fondale con lo stesso assetto delle altre usate come richiamo. Serve un amo molto piccolo, è ovvio, ma per evitare di ledere la larva esso dovrà anche essere privo dell’ardiglione. Ci sono pescatori che hanno enormi pregiudizi nei confronti di questi strumenti, ritenendo a torto che possano pregiudicare la cattura rispetto ai modelli tradizionali. La realtà è un’altra: chi sa davvero pescare i pesci li prende a prescindere dell’ardiglione, e questo articolo ne è la prova.

 

SONY DSC

I don’t like to do free advertise (even because I don’t gain a penny), but if a product is worth so why not talk about it? On the package you can read: ‘Barbless hook made in carbon 110, mid shank, very strong and therefore fit for catching great fish‘. Mauro has not changed the hook throughout the fishing time: from first to eleventh and last fish, all were captured with the same Japanese jewel…

Non amo fare pubblicità gratuita (anche perché non ci guadagno un solo centesimo, ovvio), ma se un prodotto merita allora perché non parlarne? Mauro non ha mai cambiato l’amo durante tutta la battuta di pesca: dal primo all’undicesimo e ultimo pesce, tutti sono stati catturati con lo stesso gioiellino di produzione nipponica…

 

SONY DSC

…and with the same terminal of 0.10 mm. I must give credit where credit is due.

…e con lo stesso terminale di 0,10 mm. Onore al merito.

 

SONY DSC

The big head you see belongs to one of the many chubs of a kilo and a half that have visited us during the three hours after the first two ones spent admiring the scenery under the rain. This photo give the opportunity to analyze a particular.

Il testone che vedete appartiene a uno dei tanti cavedani sul chilo e mezzo che ci hanno fatto visita nelle tre ore successive alle prime due trascorse ad ammirare il paesaggio sotto la pioggia. Questa foto da lo spunto per analizzare un particolare.

 

SONY DSC

Big chubs are also smart and hardly you’ll catch someone with the hook into the oral apparatus: these animals test the deception just holding it between their lips. A good thing: the inner membranes are fragile and tend to tear easily when are injured by microscopic hooks. Other thing are the lips, made of more tenacious cartilage tissue and in which even a small barbless trinket is able to find a stable grip.

I cavedani grossi sono anche furbi e difficilmente ne guadinerete qualcuno con l’amo agganciato dentro l’apparato orale: sono animali che saggiano l’inganno tenendolo appena tra le labbra. Ed è una fortuna: le membrane interne sono fragili e tendono a lacerarsi facilmente quando punte da ami microscopici. Altra cosa sono le labbra, costituite di un tessuto cartilagineo ben più tenace in cui anche un oggettino senza ardiglione riesce a trovare una presa stabile.

 

SONY DSC

Barbless hook facilitates the unhook preventing tearing of the soft tissues. There’s something more: a sized and quality disgorger like the Stonfo Little is essential not only to remove the hook properly, but also to respect the leader. Only a well realized disgorger is able to maintain the integrity of the terminal line, especially when it is very thin.

L’amo privo di ardiglione facilita la slamatura evitando di lacerare i tessuti molli. Ma non basta: uno slamatore dimensionato e di qualità come lo Stonfo Little è indispensabile non solo per togliere l’amo correttamente, ma anche per rispettare il filo su cui è legato. Solo uno slamatore ben realizzato è in grado di mantenere l’integrità del terminale, tanto più quando sottilissimo.

 

SONY DSC

Once stopped raining, the family of swans decided to settle on the small jetty downstream. They were not the only ones to keep us company.

Una volta finito di piovere, la famigliola di cigni ha deciso di stabilirsi sul piccolo pontile a valle della nostra postazione. Non sono stati i soli a farci compagnia.

RedAngler.com Red045--39

Every now and then on the bank behind us someone stopped to admire the harmonic curve drawn by the Daiwa. One of those people was Alessio, a young former carp angler convert to the match fishing (strange: usually the opposite occurs). Alessio told us about his recent experience occurred a few yards downstream. He had noticed that a gypsy was watching him, but had not given importance because it was broad daylight and there were people strolling. Weighty error, because the creature burglarized his car parked a few meters away. Unfortunately this is not a rare thing: they are aggressive and unscrupulous, and not even they fear of being caught because know that they will not remain just a day in prison. Italy is a country with discredited institutions, as well as crammed full of all sorts of misfits. A devastating mix.

Di tanto in tanto sulla sponda alle nostre spalle si fermava qualcuno ad ammirare la curva armonica disegnata dalla Daiwa. Una di quelle persone era Alessio, giovane ex carpista convertitosi alla pesca al colpo (cosa insolita: di solito avviene il contrario). Tra un cavedano e l’altro, Alessio ci ha parlato di una sua recente esperienza avvenuta pescando su uno spot qualche metro più a valle. Si era accorto che uno zingaro lo stava osservando, ma non gli aveva dato importanza poiché era pieno giorno e c’era gente che passeggiava. Gravissmo errore, dato che gli ha scassinato l’auto parcheggiata a pochi metri di distanza. Purtroppo non si tratta di una cosa rara: sono aggressivi e spregiudicati, e non temono nemmeno di essere scoperti giacché sanno che in caso non faranno nemmeno un giorno di galera. L’Italia è un paese dalle istituzioni screditate, oltre che piena zeppa di ogni sorta di sbandati. Un mix devastante.

SONY DSC

A high quality Bolognese rod you handle with one hand, but after hours of fishing fatigue begins to be felt. Above all during the strike, which in chub fishing must be swift. Mauro has tried again with his favorite rod, but chubs didn’t like that half gram in less on the line. This style of fishing at short range can also be practiced with another type of rod: the Barbara, always a typically Italian tool hybrid between the Bolognese and the whip (to use a few simple words, it is 100% a whip assembled with microrings and with a microreel). I don’t want to add anything else in this article, but in the future if I’ll get the chance I’ll propose an issue with the Barbara.

Una canna bolognese di alta qualità si maneggia con una sola mano, ma dopo ore di pesca la fatica inizia a farsi sentire. Sopratutto nella fase di ferrata, che pescando il cavedano deve essere fulminea. Mauro ha tentato per l’ultima volta con la sua canna preferita, ma ancora i cavedani non hanno gradito il grammo e mezzo di zavorra. Questo stile di pesca a corto raggio può essere praticato anche con un altro tipo di attrezzo: la Barbara. Si tratta sempre di un attrezzo tipicamente italiano, un ibrido tra la Bolognese e la canna fissa, e per usare poche semplici parole è al 100% una canna fissa montata con microanelli e un micromulinello. Non voglio aggiungere altro in questo articolo, ma se in futuro ne avrò l’occasione vi proporrò una battuta di pesca realizzata con il sistema della Barbara.

SONY DSC

On the W70 Mauro has inserted a little bit special reel, a customized version of the Mitchell Quartz distributed by Colmic fifteen years ago. It’s different from the standard versions for the silver color and balanced handle, for the rest the design was identical to the official ones. There was also a larger version called Excellent 900, but I think the series has not had commercial success primarily to the high price, and then because Quartz was rejected by the market. I cannot tell if the project were affected by the particular manufacturing defects, however it’s a shame because the issue was original.

Sulla W70 Mauro ha inserito un mulinello un pò speciale: si tratta di una versione personalizzata del Mitchell Quartz distribuita da Colmic una quindicina di anni fa. Si distingueva dai modelli standard per il colore argentato e la manovella con bilancere, per il resto il progetto era identico. Esisteva anche una versione di dimensioni maggiori chiamata Excellent 900, ma credo che la serie non abbia avuto un successo commerciale anzitutto per il prezzo elevato, e poi perché lo stesso Quartz è stato bocciato dal mercato. Non so dirvi se il progetto fosse affetto da particolari difetti di produzione, ad ogni modo è un peccato perché era un prodotto originale.

SONY DSC

This is the reel that has taken all the fish today; there’re some interesting details in this picture. First: the line does not reach the spool’s edge, despite of that you can see in many catalogs. The reason you have already guessed, and is due to the fact that in this fishing style the it only serves as a reserve of line to contrast the fish flight, and not to cast the line far. For this reason are not required expensive tools: the reel you see costed €25 and has done its job flawlessly. The finger on the rotor is suggesting a completely closed drag: the fish escape must be tackled leaving turn the rotor to the contrary. Last consideration: the words “10 ball bearings” printed on the casing. You can imagine the quality of all that scrap-iron inserted to mere marketing purposes, always assuming they are all in. A further proof that it doesn’t need big budgets to get big fish.

Questo è il mulinello che ha preso tutti i pesci di oggi; a guardare la foto non si può fare a meno di notare alcune cose meritevoli di un commento. La prima: il filo non raggiunge il bordo della bobina, come invece si vede nelle immagini dei cataloghi. Il motivo già lo avete intuito, ed è dovuto al fatto che in questo stile di pesca serve solo da riserva di filo per contrastre le fughe dei pesci, e non per lanciare la lenza lontano. Proprio per tale motivo non sono richiesti attrezzi costosi: quello che vedete è costato 25 euro e, nonostante sia il figlio minore di un dio cinese, ha svolto il suo lavoro in modo impeccabile. Il dito posizionato sul rotore sta a suggerire una frizione completamente chiusa e l’antiritorno disinserito: la fuga del pesce va contrastata lasciandolo scorrere al contrario. Ultima considerazione: la scritta “10 ball bearings” stampata sulla carcassa. Vi lascio immaginare la qualità di tutta quella ferraglia propinata a meri fini di marketing, sempre ammesso che ci siano tutti. A ulteriore riprova che non servono grandi budget per prendere grandi pesci.

SONY DSC

The harmonic action of the 7115 folded under the escape of the daily best prey. I lived this fight with a certain apprehension because Mauro never wanted to change the leader, such was the confidence in his equipment.

L’azione armonica della 7115 piegata sotto la fuga della miglior preda della giornata. Questa cattura l’ho vissuta con una certa apprensione, e questo perché Mauro non ha mai voluto cambiare il terminale tanta era la fiducia nella sua attrezzatura.

SONY DSC

He took over 10 minutes to bring it to the landing net. Here we seen it tailing in the middle of the river.

Ci ha messo oltre 10 minuti per riuscire a portarlo a guadino. Qui lo vediamo mentre scoda a centro fiume, nel mezzo della corrente.

SONY DSC

Here it is: 2.150 kg.

Eccolo: farà fermare l’ago della bilancia a 2,150 kg.

SONY DSC

It’s a spread, ridiculous, silly and trivial fashion to take pictures with arms stretched out and the fish pointed towards the camera lens; similar photos you can see quite a lot of both in magazines and on the web. And is also a little fraud: make the fish bigger than it is in reality, taking advantage of the perspective effect in a short focal length. What you see, is the real size of a chub of over two kilograms (too large to be handle with one hand).

È una moda diffusa quanto ridicola, insulsa e banale quella di scattare fotografie con le braccia allungate e il pesce puntato verso l’obiettivo della fotocamera, quasi a voler infilarcelo di forza; di foto simili se ne vedono ancora parecchie sia sulle riviste che sul web. Ed pure parecchio trufaldina: ha lo scopo di voler far sembrare la cattura più grande di quello che è nella realtà sfruttando l’effetto prospettico in una focale corta. Quelle che vedete sono le dimensioni reali di un cavedano di oltre due chili (troppo grande per essere sollevato con una sola mano senza il rishio di arrecargli danni).

SONY DSC

There are no more sticky maggots to throw into the water. The eleventh and last fish of the day had proved to be something different since the first tail shots: Mauro, like many other fishermen, does not appreciate this non-native no-combative species from continental Europe.

Non ci sono più bigattini incollati da gettare in acqua, e senza benzina finiscono anche i cavedani. L’undicesimo e ultimo pesce della giornata aveva dimostrato di essere qualcosa di diverso sin dai primi colpi di coda: Mauro, come molti altri pescatori, non apprezza questa specie alloctona poco combattiva che viene dall’Europa continentale.

SONY DSC

Once hooked, breams tend to defend itself using its own weight and the current force, so are not a great opponent. Here in north east are called ‘pans’.

Una volta allamate tendono a difendersi sfruttando il proprio peso e la forza della corrente, non un grande avversario quindi. Da queste parti vengono soprannominate ‘padelle’.

SONY DSC

Now they are here and you can fish them, although with not the same satisfaction of northern European anglers. A close-up also to this bream.

Ormai ci sono e si pescano pure loro, anche se non con la stessa soddisfazione dei pescatori nordeuropei. E allora dedichiamo un primo piano anche a questa breme.

RedAngler.com Red045--50

38 dots distributed over the last 80 cm of main line, and a 45 cm long leader line bonded with a double loop: here’s the geometry of a winning line (that Mauro has kindly donated to me).

38 pallini distribuiti negli ultimi 80 centimetri di lenza madre, e un finale lungo 45 centimetri legato con una doppia asola: ecco la geometria di una lenza vincente (che a fine pescata Mauro mi ha gentilmente donato come ricordo).

RedAngler.com Red045--51

Mauro usually starts the fishing session with the hook that touch on the bottom because fish are less suspicious, then he changes several times the float’s position on the line, up to fully support the leader on the bottom when the fishing gets tough. Avoid an exasperated retention is the first commandment: we’re not fishing carp and crucian. The line must be allowed to flow, slowing it down only for a few seconds; stop and go induce the bait lifting and will come back down to the bottom after release. Many attacks occur in this phase, when the fish sees the bait back down on his nose. Remember one thing: the chub are never too far away from where sticky maggots are, so this makes a nonsense to open the reel bail to extend the action over a certain limit.

Mauro di solito parte con un terminale a sfiorare il fondo perché all’inizio i pesci sono meno sospettosi, per poi variare in corsa l’altezza del segnalatore; durante la stessa battuta può arrivare a modificare più volte la sua posizione sulla lenza, fino ad appoggiare completamente il terminale quando la pesca si fa difficile. Evitare una trattenuta esasperata è il primo comandamento: non stiamo pescando carpe e carassi. La lenza va lasciata scorrere, rallentandola solo per brevi istanti; lo stop and go provoca il sollevamento dell’esca, che tornerà a scendere verso il fondo dopo il rilascio. Molti attacchi avvengono proprio in questa fase, quando il pesce vede l’esca tornare a scendergli sul naso. Ricordatevi una cosa: i cavedani non sono mai troppo lontani dal punto in cui si trovano i bigattini incollati, per questo poco senso aprire l’archetto del mulinello per prolungare la passata oltre un certo limite.

SONY DSC

Photographing own catches is not simple as it may appear. First you need to prevent animals from coming into contact with the ground, or even worse with sand or clay: damage their coating of mucus means exposing them to diseases. If you think a shot like this is well done, then you are thinking wrong. The fish are randomly placed and the muddy water due to the lifted sediment downgrade a river like Sile as a simple canal. In this picture everything is wrong.

Fotografare le proprie catture non è una cosa semplice come può apparire. Per prima cosa bisogna evitare che gli animali vengano a contatto con il suolo, o peggio ancora con sabbia o argilla: danneggiare il loro rivestimento di muco significa esporli a malattie. Se pensate che una ripresa come questa sia ben fatta, allora state pensando male. I pesci sono posizionati casualmente e l’acqua intorbidita dai sedimenti fa declassare un fiume come il Sile a canalaccio di bassa pianura. In questa foto tutto è sbagliato.

SONY DSC

The flat surface of a platform, like the bank, is ideal to position the fish. But we must be careful to put the keepnet under the landing net head, avoiding direct contact beetwen animals and metal, or other surfaces that can hurt them. Also because they are strong and uncooperative.

La superficie piana di una pedana, al pari della sponda, è ideale per posizionare i pesci. Bisogna però avere l’accortezza di posizionarci sotto la nassa raccolta a fisarmonica, evitando agli animali il contatto diretto con il metallo o altre superfici in grado di ferirli. Anche perché sono animali forti e a collaborare non ci pensano proprio.

SONY DSC

Let them vent for a few seconds: they feel preyed and is normal for them squirm in a desperate attempt to regain their freedom.

Lasciateli sfogare per qualche secondo: si sentono predati e per loro è normale dimenarsi nel disperato tentativo di riguadagnare la libertà.

SONY DSC

Once calm, wet your hands and put the best ones towards the camera lens. Heal the focus and hurry to shoot, because the right moment lasts only a few seconds. This is the result you have to obtain, and I would say it has a completely different appeal than the first picture.

Una volta calmi, bagnatevi le mani e disponete i più grossi verso l’obiettivo della macchina fotografica. Curate la messa a fuoco e sbrigatevi a scattare, perché il momento giusto dura solo pochi secondi. Questo è il risultato a cui dovete giungere, e direi che ha tutto un altro appeal rispetto alla prima foto.

SONY DSC

There’s no a scale out of place, they are perfect as when Mauro caught them. Excellent work, but now is time to go home.

Non c’è una scaglia fuori posto, sono perfetti come quando li abbiamo catturati. Un’ottima pescata, ora però è tempo di tornare a casa.


About the Author


13 risposte a Bolognese like a whip

  1. Good day! This is my first visit to your blog! We are a team of volunteers and starting a new project in
    a community in the same niche. Your blog provided
    us beneficial information to work on. You have done a wonderful job!

  2. As the TV shows increased in numbers it lead a tough competition within them plus it also started to lose its charm within its fan. But one should be cautious in answering as one
    wrong answer can terminate you from continuing in the game.

    It benefit individual by reducing the stress acquired during the day in the office.

  3. Furthermore, your tablet can be installed with e-book readers
    so you can just go to a library for a peaceful and comfortable ambiance.
    Google Maps Excellent navigation feature with Google Maps and
    latitude, for letting people who have access to your account Latitude know exactly where you are.

    You can sell your application to various online app stores that Google has created for enabling users
    to purchase and download apps without any hassle.

  4. Alessandro74 scrive:

    Bell’articolo, saper pescare a bolognese è un’arte…
    Complimenti

  5. website scrive:

    Wow, awesome weblog layout! How long have you been blogging for?

    you made blogging look easy. The overall look of your site is magnificent,
    let alone the content!

  6. Dato che il fotoperiodo di crescita è differente da quello di fioritura, avete bisogno di luci al neon apposite per la
    fase di crescita.

  7. Interessante Homepage. Das Design und die nuetzlichen Informationen gefallen mir besonders.

  8. treenit scrive:

    I enjoy looking through an article that can make
    men and women think. Also, thank you for allowing me
    to comment!

  9. vitamiinit scrive:

    I believe that is one of the most important info for me.
    And i am happy studying your article. However should observation on few common things, The site taste is great, the articles is truly nice : D.
    Just right activity, cheers

  10. Hello to all, the contents existing at this site are
    really remarkable for people knowledge, well, keep up
    the good work fellows.

  11. laihdutus ruoka scrive:

    Hi there, I would like to subscribe for this website to obtain latest updates, so where can i do it please help out.

  12. Rita scrive:

    Asking questions are actually nice thing if you
    are not understanding anything fully, except this post offers good understanding yet.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Something more

GooglefacebookFlickrYou TubeLightroomPhotozoneDP Review

    Translate to:


dicembre: 2013
L M M G V S D
« nov   ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  

 .
.
.
.